PortaleFVG

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

ilGiornaledelFriuli.net L'informazione aggiornata in tempo reale e gratuita con più di 159mila pagine on line e più di 546mila lettori abituali. Il più diffuso e interattivo quotidiano on line del Nord Est con testa e mani libere. PER LA VOSTRA PUBBLICITA', PER RICHIEDERCI SERVIZI SPECIALI E OGNI ALTRA ESIGENZA TELEFONARE AL NUMERO UNICO 348 0057659. Indirizzo unico di posta elettronica direttore@ilgiornaledelfriuli.net. Indirizzo di Posta Elettronica Certificata postmaster@pec.ilgiornaledelfriuli.net

Sconto benzina drogato da un prezzo più alto che in altre regioni d’Italia. Lo denunciò Alberto di Caporiacco a Punto di Svista

Punto di Svista, trasmissione ideata, curata e condotta da Alberto di Caporiacco a Telefriuli. Puntata n. 5 del 20 giugno 2009.

E adesso noi friulani paghiamo di più.

Buonasera. Tocchiamo questa sera un argomento caro alle tasche dei contribuenti e in particolare di noi friulani. Vi ricordate la storia della benzina agevolata? La benzina agevolata ha radici lontane, perché prima era un provvedimento, diciamo così, a favore di alcune popolazioni confinarie, non tutta la popolazione del Friuli-Venezia Giulia, di cui beneficiavano delle persone che erano appunto lungo la fascia di confine.
Poi questo beneficio è stato esteso, in forma diversa, a partire dall’anno 1997. E questo perché la benzina slovena costava molto meno della benzina italiana, c’era un flusso di persone che andava a far benzina in Slovenia, quindi portava sostanzialmente al di fuori dai confini dell’Italia e della regione dei capitali e quindi si è cercato di frenare questo flusso, anche tra l’altro favorendo i benzinai della nostra regione, che praticamente avevano le pompe non funzionanti.
Che cos’è successo dopo l’ingresso della Slovenia nell’Unione Europea? Che il ‘delta’ di differenza tra la benzina slovena e quella italiana, riferita al prezzo, è andato via via diminuendo. E adesso siamo arrivati a un prezzo quasi simile tra la benzina slovena e la benzina italiana. Per cui non diventa neanche più conveniente andare in Slovenia, ma lo sconto della tessera della benzina è stato sostanzialmente azzerato.
Se noi ci presentiamo al benzinaio e mostriamo la nostra tesserina bianca per fare benzina, il benzinaio ci risponderà che è inutile che gliela mostriamo perché tanto lui lo sconto non lo può applicare. Dal danno, però, siamo arrivati alla beffa perché la beffa consiste nel fatto che, in qualsiasi regione in Italia – io ho fatto una prova nel vicino Veneto – la benzina costa di meno che in Friuli-Venezia Giulia.
Mentre una volta i veneti ci guardavano con invidia e anche un pochino, così, ci davano dei favoriti perché avevamo questa agevolazione di pagare la benzina di meno, adesso ridono e sghignazzano perché loro la benzina la pagano meno. Perché la Regione Friuli-Venezia Giulia non ha fatto una opportuna opera di pressione sulle compagnie petrolifere affinché allineino i prezzi della regione a quelli delle altre regioni italiane? Perché le compagnie petrolifere un tempo avevano fatto questo ragionamento: i friulani la benzina la pagano meno e quindi noi teniamo il prezzo alto. Ma per quale motivo noi dobbiamo subire una situazione di questo genere? Chiediamocelo. Buonasera.

Print Friendly
Chiavi di ricerca: , , , ,

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

Lascia un commento

Nota: i commenti sono sottoposti a moderazione, la pubblicazione potrebbe essere ritardata di qualche ora

Giornale del friuli