PortaleFVG

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

                              IL GIORNALE DEL FRIULI

IL GIORNALE DEL FRIULI / SFUEI DAL FRIÛL LIBAR L'informazione aggiornata in tempo reale e gratuita con più di 159mila pagine on line e più di 546mila lettori abituali. Il più diffuso e interattivo quotidiano on line del Nord Est con testa e mani libere. PER LA VOSTRA PUBBLICITA', PER RICHIEDERCI SERVIZI SPECIALI E OGNI ALTRA ESIGENZA TELEFONARE AL NUMERO UNICO 0432 1842211. Mobile 348 0057659 (solo in caso di linee occupate o mancata risposta). Indirizzo unico di posta elettronica direttore@ilgiornaledelfriuli.net. PEC postmaster@pec.ilgiornaledelfriuli.net

Calcio, Serie A, la Juventus (2-1 alla Lazio) si riprende la testa della classifica, crolla il Napoli (1-3 con Atalanta), si fan sotto Roma e Inter

CHIEVO-MILAN 0-1 (martedì)

(8′ Muntari)

CATANIA-LECCE 1-2

(52′ Bergessio C, 87′ Corvia L, 91′ Di Michele L; 71′ Di Michele L sbaglia rigore, 88′ Carrizo C espulso)

FIORENTINA-PALERMO 0-0

GENOA-CESENA 1-1

(41′ M. Rossi G, 76′ Mutu C)

INTER-SIENA 2-1

(6′ D’Agostino S, 42′ Milito I, 81′ Milito rig. I, 93′ Pegolo S espulso)

JUVENTUS-LAZIO 2-1

(30′ Pepe J, 45′ Mauri L, 83′ Del Piero J, 93′ Kozak L espulso)

NAPOLI-ATALANTA 1-3

(10′ Bonaventura A, 13′ Lavezzi N, 58′ Bellini A, 68′ Carmona A, 69′ Pandev N espulso)

PARMA-NOVARA 2-0

(27′ Giovinco, 40′ Jonathan)

ROMA-UDINESE 3-1

(8′ Osvaldo R, 43′ Fernandes U, 86′ Totti R, 92′ Marquinho R)

BOLOGNA-CAGLIARI giovedì 12 ore 20.45

 

JUVENTUS 68, MILAN 67, LAZIO 54, UDINESE 51, ROMA 50, NAPOLI e INTER 48, CATANIA 43, CHIEVO 42, ATALANTA (-6) e PALERMO 40, SIENA 39, CAGLIARI e PARMA 38, BOLOGNA e FIORENTINA 37, GENOA 36, LECCE 34, NOVARA 25, CESENA 21.

 

Prossimo turno

Sabato 14 aprile, ore 18

MILAN-GENOA

Sabato 14 aprile, ore 20.45

UDINESE-INTER

Domenica 15 aprile, ore 12.30

NOVARA-LAZIO

Domenica 15 aprile, ore 15

ATALANTA-CHIEVO

CESENA-JUVENTUS

LECCE-NAPOLI

PALERMO-PARMA

SIENA-BOLOGNA

Domenica 15 aprile, ore 20.45

ROMA-FIORENTINA

Lunedì 16 aprile, ore 20.45 (a Trieste)

CAGLIARI-CATANIA

 

Marcatori

23 IBRAHIMOVIC (Milan), 20 DI NATALE (Udinese) e MILITO (Inter), 19 CAVANI (Napoli), 16 PALACIO (Genoa), 15 DENIS (Atalanta), 13 KLOSE (Lazio) e JOVETIC (Fiorentina), 12 MICCOLI (Palermo), 11 DI MICHELE (Lecce), GIOVINCO (Parma), OSVALDO (Roma), CALAIO’ (Siena), 10 DI VAIO (Bologna) e MATRI (Juventus)

 

La JUVENTUS si riprende la testa della classifica regolando la LAZIO 2-1. Biancocelesti e friulani (l’UDINESE perde 1-3 a ROMA ma fino all’86’ era sull’1-1) restano al palo nella corsa Champions. Il NAPOLI crolla in casa con l’ATALANTA (1-3), mentre oltre alla ROMA fa punti preziosi l’INTER che supera non senza fatica il Siena 2-1 a San Siro con Milito che appaia Totò Di Natale al secondo posto della classifica marcatori. Impresa del LECCE di Serse Cosmi che espugna 2-1 CATANIA e terrorizza GENOA (1-1 casalingo con il CESENA) e FIORENTINA (0-0 casalingo con il PALERMO), ormai a portata di aggancio, mentre NOVARA e CESENA (quest’ultima nonostante il bel punto di Marassi) appaiono già condannate. Da copione il 2-0 del PARMA al Tardini sul NOVARA.

 

 

 

 

 

 

Chiavi di ricerca: , , , , , , , , , , ,

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

1 Commento

  1. Credo che anche Guidolin cominci a perder colpi. Siamo sull’uno a uno pari, oggettivamente, il secodo tempo era iniziato con un piglio diverso dal primo. La squadra ribatteva quasi colpo su colpo alla Roma, in effetti già prima dell’azione del pareggio aveva avuto l’opportunità di segnare.
    Ad un certo punto, Guidolin, decide un cambio, toglie Pereyra e inserisce Ferronetti.
    Immediatamente la partita ha mutato volto, la squadra si è tirata indietro di dieci metri e non riusciva a fare un passaggio, che fosse uno, agli attaccanti.
    La partita é finita come é finita, ma io mi chiedo se questo é un modo per affrontare una squadra, la Roma, già incazzata di suo, per aver subito ben quattro reti dal Lecce nel turno precedente.
    Ribadisco, l’Udinese deve stare in campo come sa, diversamente, sognando il pareggio, finisce per tornarsene a casa con le pive nel sacco e il morale sotto i tacchi. Sveglia!

Lascia un commento

Nota: i commenti sono sottoposti a moderazione, la pubblicazione potrebbe essere ritardata di qualche ora

Giornale del friuli