PortaleFVG

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

ilGiornaledelFriuli.net L'informazione aggiornata in tempo reale e gratuita con più di 159mila pagine on line e più di 546mila lettori abituali. Il più diffuso e interattivo quotidiano on line del Nord Est con testa e mani libere. PER LA VOSTRA PUBBLICITA', PER RICHIEDERCI SERVIZI SPECIALI E OGNI ALTRA ESIGENZA TELEFONARE AL NUMERO UNICO 348 0057659. Indirizzo unico di posta elettronica direttore@ilgiornaledelfriuli.net. Indirizzo di Posta Elettronica Certificata postmaster@pec.ilgiornaledelfriuli.net

La favola della regione ponte e un trasporto ferroviario allucinante dalla nostra regione a Roma. Ne parlò Alberto di Caporiacco a Punto di Svista

Credete che la situazione attuale sia migliorata?

Sentite cosa diceva Alberto di Caporiacco a Punto di Svista (puntata 20 del 3 ottobre 2009), trasmissione da lui ideata, curata e condotta a Telefriuli.

La favola della regione ponte

Buonasera. Avete mai sentito raccontare la favola della regione ponte? La Regione Friuli-Venezia Giulia sarebbe un importante punto di transito e di incontro di tre mondi: quello latino, quello slavo e quello germanico. Questa favola ce l’hanno raccontata da sempre, ma tutto ciò è vero?
Certamente ha un fondamento di verità, ma il problema che non si sono mai posti i nostri governanti è questo: è importante collegare l’Italia al resto d’Europa, ma i collegamenti del Friuli con l’Italia sono altrettanto importanti? Per i nostri governanti assolutamente no. E una prova è data dagli annunciati tagli dei collegamenti ferroviari tra la nostra regione e il resto dell’Italia.
Si badi bene che, se verranno tagliati questi collegamenti, la situazione diventerà insostenibile. E non è che non lo sia già adesso.
Alcuni esempi: treni da Udine a Roma attualmente ce ne sono appena 2. Sto parlando di treni senza cambio carrozza a Venezia Mestre e il tempo per raggiungere Roma da Udine è di 6 ore e 19 minuti. Non va meglio per i collegamenti da Trieste a Roma. Di treni ce n’è 3 e il tempo è di 6 ore e 21 minuti. Basta spostarsi verso qualche altra città e subito la musica cambia. Da Venezia a Roma i treni diventano addirittura 16 e si sta appena 3 ore e 59 minuti per raggiungere la capitale. Se facciamo una differenza noteremo che da Udine a Venezia si sta addirittura 2 ore e 20 minuti che è il tempo con il quale è possibile raggiungere Roma da Bologna. Si sta soltanto 2 ore e 19 minuti con i treni ad alta velocità e, pensate un pochino, da Bologna a Roma ci sono addirittura 42 convogli ogni giorno: una cifra rilevante se commisurata con i miseri 2 trenini che da Udine raggiungono Roma.
Trenini che però, va detto, uno dei due è un Eurostar Notte che sta addirittura 9 ore per arrivare a Roma e uno parte poco prima delle 6 del mattino. Quindi occorre fare una levataccia per raggiungere la capitale verso mezzogiorno. A quel punto lì, arrivati a Roma verso mezzogiorno, è evidente che la giornata di lavoro è già andata perduta. Rimane soltanto il pomeriggio.
Questa la situazione drammatica dei trasporti ferroviari tra la nostra regione e la città di Roma. Abbiamo voluto dare un esempio, ma non basta perché addirittura questi trasporti miserrimi ce li vogliono tagliare. Buonasera.

Print Friendly

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

Lascia un commento

Nota: i commenti sono sottoposti a moderazione, la pubblicazione potrebbe essere ritardata di qualche ora

Giornale del friuli