PortaleFVG

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

ilGiornaledelFriuli.net L'informazione aggiornata in tempo reale e gratuita con più di 159mila pagine on line e più di 546mila lettori abituali. Il più diffuso e interattivo quotidiano on line del Nord Est con testa e mani libere. PER LA VOSTRA PUBBLICITA', PER RICHIEDERCI SERVIZI SPECIALI E OGNI ALTRA ESIGENZA TELEFONARE AL NUMERO UNICO 348 0057659. Indirizzo unico di posta elettronica direttore@ilgiornaledelfriuli.net. Indirizzo di Posta Elettronica Certificata postmaster@pec.ilgiornaledelfriuli.net

Venerdì 14 novembre a Farra d’Isonzo conferenza di Enrico Ferraris su “I geroglifici celesti: culti stellari nell’Antico Egitto”

FARRA D’ISONZO – “I geroglifici celesti: culti stellari nell’Antico Egitto.” è il titolo della conferenza in programma venerdì 14 novembre all’osservatorio astronomico di Farra d’Isonzo, con inizio alle 20:30. A parlarne sarà l’archeologo Enrico Ferraris, curatore presso il Museo Egizio di Torino.

Organizzata in collaborazione con l’ISIS Nautico “Tomaso di Savoia Duca di Genova” di Trieste, la conferenza è ad ingresso libero e gratuito ma, poiché è prevista anche una spiegazione al planetario, i posti sono limitati e verranno assegnati fino ad esaurimento.

 

Attraverso un’ampia rassegna di documenti testuali ed iconografici il dott.

Ferraris cercherà di rispondere ad alcuni tra i più suggestivi quesiti sulla cultura stellare dell’Antico Egitto. Quali conoscenze possedevano gli antichi Egizi a riguardo del firmamento? Quali significati attribuivano ai nomi e alle immagini delle loro costellazioni? Quale ruolo avevano le stelle nella complessa architettura religiosa e funeraria egiziana?

 

Enrico Ferraris – Si è laureato presso l’Università di Torino e ha conseguito il dottorato in Orientalistica all’Università di Pisa con una tesi intitolata “Oggetti celesti e culti stellari nella documentazione figurativa e testuale egiziana”. Ha partecipato alle campagne di scavo e di documentazione della Missione Archeologica dell’Università di Torino ad Alessandria d’Egitto

(2001-2007) e ha lavorato al Museo Egizio del Cairo come membro del team scientifico italiano del progetto “Grand Egyptian Museum – Giza” del Ministero per gli Affari Esteri Italiano – Ufficio per la Cooperazione, svolgendo in seguito l’incarico di schedatore di reperti egiziani per la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie. I suoi interessi scientifici si concentrano sull’astronomia antica, la geografia religiosa e la toponomastica antica egiziane. Dal 2013 è curatore presso il Museo Egizio di Torino.

Print Friendly
Chiavi di ricerca: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

ULTIMISSIMA - RESTA AGGIORNATO

↑ Grab this Headline Animator

Lascia un commento

Nota: i commenti sono sottoposti a moderazione, la pubblicazione potrebbe essere ritardata di qualche ora

Giornale del friuli